Cos'è lo U.A.L. Accreditamento Marchio White List Contatti




LA CONVENZIONE



CONVENZIONE TRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA E LA PROVINCIA STESSA PER LA COSTITUZIONE DI UN UFFICIO ASSOCIATO DI SUPPORTO ALLE ATTIVITA’ CONNESSE AL “PROTOCOLLO DI LEGALITA' PER LA PREVENZIONE DEI TENTATIVI DI INFILTRAZIONE DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA NEL SETTORE DELL’EDILIZIA PRIVATA E DELL’URBANISTICA, STIPULATO CON LA PREFETTURA DI REGGIO EMILIA”.


Tra i Comuni di Albinea, Bagnolo in Piano, Baiso, Bibbiano, Boretto, Brescello, Cadelbosco di Sopra, Campagnola Emilia, Campegine, Canossa, Carpineti, Casalgrande, Casina, Castellarano, Castelnovo ne’ Monti, Castelnovo di Sotto, Cavriago, Correggio, Fabbrico, Gattatico, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, Novellara, Poviglio, Montecchio Emilia, Quattro Castella, Reggiolo, Reggio Emilia, Rio Saliceto, Rolo, Rubiera, San Martino in Rio, San Polo d’Enza, Sant’Ilario d’Enza, Scandiano, Toano, Vetto, Vezzano sul Crostolo, Viano, Villa Minozzo, Ventasso e la Provincia di Reggio Emilia

Premesso che:

  • - il settore dell’attività urbanistica e dell’edilizia è da tempo all’attenzione delle Istituzioni per le forti esposizioni ad esso connaturate al pericolo di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata;
  • - le organizzazioni criminali manifestano una crescente tendenza a ramificare la propria presenza anche in territori, come l’Emilia-Romagna, tradizionalmente estranei al loro ambito di operatività, per cui si richiedono un monitoraggio assiduo sul territorio ed interventi preventivi preordinati ad impedire eventuali propagazioni;
  • - la Regione Emilia-Romagna ha approvato la legge regionale 26 novembre 2010 n.11 recante “Disposizioni per la promozione della legalità e della semplificazione nel settore edile e delle costruzioni a committenza pubblica e privata”;
  • - in attuazione della citata L.R. n. 11/2010 è stato approvato con deliberazione della Giunta Regionale n. 1529 del 24/10/2011 e firmato il 05/03/2012 il Protocollo d'Intesa tra Regione EmiliaRomagna e le nove Prefetture del territorio emiliano-romagnolo, all’interno del quale si prende atto che:
  • - l'attività urbanistico-edilizia appare strettamente connessa alla materia degli appalti, come di recente ha evidenziato la stessa Autorità di vigilanza sui contratti pubblici (oggi ANAC);
  • - occorre una selezione mutuata dalla materia contrattuale-pubblicistica per affidare i lavori concernenti le opere di urbanizzazione, collegate al permesso di costruire o comunque agli interventi di tipo urbanistico ed edilizio;
  • - nell'attività edilizia, ancorché di valore relativamente modesto o corrispondente agli appalti “sotto soglia”, si possono annidare tentativi di infiltrazione malavitosa, anche al fine di porre in essere operazioni di riciclaggio dei proventi derivanti da attività criminose;
  • - a seguito di pubblicazione del citato Protocollo sul Bollettino ufficiale della Regione n. 59 del 06/04/2012, la Regione Emilia-Romagna ha emanato la Circolare esplicativa prot. n. 2012/0079948 del 28/03/2012, ove si precisa che la documentazione antimafia attesta l'insussistenza, a carico dell'impresa che deve eseguire i lavori, delle condizioni di cui all'art. 10 della L.31/05/1965 n.575 (oggi art. 67 D.Lgs.159/2011);
  • - alla luce delle recenti determinazioni dell'Autorità di vigilanza, dottrina e giurisprudenza hanno ammesso la facoltà per le Amministrazioni di procedere ad acquisire l'informazione antimafia in situazioni in cui scelte ed indirizzi delle imprese interessate possano ricevere condizionamenti da parte della criminalità organizzata;
  • - la Prefettura di Reggio Emilia con circolare del 28/07/2014 indirizzata ai Sindaci della Provincia di Reggio Emilia, ha sottolineato l’opportunità di estendere in via convenzionale il controllo preventivo antimafia anche ai contratti di affidamento aventi ad oggetto l’esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria conseguenti all’approvazione da parte dei Comuni dei “Piani attuativi di iniziativa privata” nell’ambito del “Piano Regolatore Generale”;
  • - è stato valutato, anche tenuto conto della maggior consapevolezza pubblica circa i concreti rischi di infiltrazione criminale dell’economia, il preminente interesse pubblico di assicurare una maggiore vigilanza a tutela della legalità nei settori dell’edilizia privata e dell’urbanistica e che tale obiettivo possa essere perseguito mediante l’integrazione del precedente strumento pattizio in materia di appalti pubblici, con un ulteriore protocollo destinato anche ai settori sopra evidenziati dell’edilizia privata e dell’urbanistica;
  • - con deliberazioni delle rispettive Giunte comunali i Sindaci sono stati conseguentemente autorizzati alla sottoscrizione del “Protocollo di legalità per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore dell’edilizia privata e dell’urbanistica”, sottoscrizione effettivamente avvenuta presso la Prefettura di Reggio Emilia in data 22/06/2016;
  • - su iniziativa del Comune di Reggio Emilia e della Provincia è stata formulata la proposta di costituzione di un ufficio associato tra tutti i Comuni della Provincia e la Provincia stessa per la gestione unitaria delle richieste in materia di documentazione antimafia e delle relazioni a tal fine con la Prefettura di Reggio Emilia;
  • - che l’istituzione di tale ufficio semplifica l’attività presso i singoli Comuni e, soprattutto, evita duplicazioni nell’avvio dei procedimenti antimafia e che pertanto con deliberazione del Consiglio provinciale n. 36 del 10/11/2016 e dei Consigli comunali dei Comuni aderenti ne è stata deliberata la costituzione;

si conviene e stipula quanto segue:

Art. 1. Finalità.

Scopo della presente convenzione è l’attuazione del “Protocollo di legalità per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore dell’edilizia privata e dell’urbanistica” sottoscritto dai Comuni della Provincia di Reggio Emilia mediante l’individuazione di adeguate misure organizzative.

Art. 2. Oggetto.

Con la presente convenzione viene costituito tra i Comuni della Provincia di Reggio Emilia e la Provincia stessa l’Ufficio associato per le verifiche di legalità antimafia (d’ora innanzi semplicemente “Ufficio associato legalità”, in sigla “UAL”). Gli aderenti individuano la Provincia di Reggio Emilia quale ente capofila presso il quale l’UAL avrà sede e di cui definirà con proprio atto la collocazione organizzativa.

Art. 3. Competenze.

L’UAL gestirà le procedure e le relazioni tra i Comuni della Provincia e la Prefettura di Reggio Emilia e le eventuali altre Prefetture coinvolte relativamente all’acquisizione della documentazione antimafia di cui all'art. 84 comma 1 d.lgs. 159/2011 (comunicazione antimafia e informazione antimafia).
L’attività dell’UAL potrà essere successivamente estesa alla documentazione di cui al citato decreto 159/2015 prevista in altri procedimenti di competenza delle amministrazioni aderenti.

Art. 4. Modalità operative.

Mediante atti del dirigente del servizio in cui è inserito l’UAL, sentita la Prefettura di Reggio Emilia, verranno definite le modalità operative di funzionamento dell’ufficio stesso, i flussi informativi e i rapporti con i Comuni e le Prefetture interessate.

Art. 5. Personale.

In fase di prima applicazione, la Provincia ed il Comune di Reggio Emilia rispettivamente assegnano e distaccano presso l’UAL il personale necessario al suo funzionamento, il cui costo resta a carico del datore di lavoro e pertanto per tale personale non si procederà ad alcun reciproco rimborso.

Art. 6. Spese di funzionamento.

Al fine di garantire il funzionamento dell’UAL i Comuni aderenti con esclusione del Comune capoluogo riconoscono alla Provincia di Reggio Emilia un contributo forfettario al funzionamento calcolato nella misura annua di € 0,10 (dieci centesimi di euro) per abitante, oltre al rimborso dei costi effettivi sostenuti verso terzi (ad esempio visure camerali) calcolati in proporzione al numero di richieste di accertamento pervenute.

Art. 7. Coordinamento e monitoraggio.

Il coordinamento e il collegamento tra l’UAL e i servizi dei Comuni interessati dalle attività previste dalla presente convenzione è assicurato, oltre che dal competente dirigente della Provincia, dal gruppo di lavoro in materia di legalità nell’edilizia e nell’urbanistica, costituito dai funzionari rappresentanti delle Unioni e del Comune capoluogo. Al termine di ciascun anno di attività e ogni volta che ne ricorra la necessità, il competente dirigente della Provincia relaziona brevemente il gruppo di lavoro sull’andamento delle attività e le eventuali criticità.

Art. 8. Ampliamento delle attività dell’UAL.

Qualora, anche a seguito delle attività di monitoraggio di cui al precedente articolo, risultasse l’inadeguatezza della struttura organizzativa dell’ufficio in relazione all’attività richiesta ovvero si intendesse estendere l’attività dell’UAL, gli enti aderenti, per il tramite dell’Assemblea dei sindaci di cui alla l. 56/2014, adottano a maggioranza qualificata dei due terzi dei diritti di voto, le determinazioni per il potenziamento dell’UAL, definendo i relativi costi e le modalità di riparto.

Art. 9. Trattamento dati.

I Comuni aderenti individuano fin d’ora la Provincia di Reggio Emilia come responsabile del trattamento dei dati necessari alla gestione dei procedimenti di competenza dell’UAL come definiti al precedente art. 4. Qualora l’UAL rendesse disponibile agli enti aderenti banche dati specifiche necessarie per il raggiungimento degli obiettivi di cui all’art. 1, gli stessi si obbligano al trattamento dei dati ivi contenuti nelle forme e nei limiti definiti dal d.lgs. 196/2003, con particolare riferimento ai principi di necessità, pertinenza e non eccedenza.

Art. 10. Durata della convenzione

La presente convenzione decorre dalla data di cui al successivo art. 11 e così fino al termine massimo di tre anni salvo rinuncia da parte dell'ente aderente, o rinnovo.

Art. 11. Sottoscrizione per adesione

In considerazione dell’elevato numero di enti aderenti alla presente convenzione e delle conseguenti difficoltà a prevedere la sottoscrizione in modalità digitale da parte di tutti i rispettivi legali rappresenti, l’adesione alla stessa si intende perfezionata mediante formale comunicazione tramite PEC alla Provincia di Reggio Emilia, attestata in calce alla convenzione da parte del Segretario Generale dell’ente. L’efficacia si intende decorrere dalla data di ricevimento dell’ultima comunicazione di adesione mediante PEC.

=========================

Il sottoscritto dott. Alfredo L. Tirabassi, in qualità di Segretario Generale della Provincia di Reggio Emilia, avendo ricevuto le seguenti formali comunicazioni di adesione:

PEC Prot. Gen. Provincia di Reggio Emilia N°
Comune di Albinea 25991 del 09/11/2016
Comune di Bagnolo in Piano 25777 del 07/11/2016
Comune di Baiso 26034 del 09/11/2016
Comune di Bibbiano 26987 del 21/11/2016
Comune di Boretto 26116 del 10/11/2016
Comune di Brescello 26341 del 14/11/2016
Comune di Cadelbosco di Sopra 25777 del 07/11/2016
Comune di Campagnola Emilia 25275 del 31/10/2016
Comune di Campegine 28547 del 12/12/2016
Comune di Canossa 26157 del 10/11/2016
Comune di Carpineti 26182 del 10/11/2016
Comune di Casalgrande 26292 del 11/11/2016
Comune di Casina 23938 del 18/10/2016
Comune di Castellarano 27598 del 29/11/2016
Comune di Castelnovo ne’ Monti 26152 del 10/11/2016
Comune di Castelnovo di Sotto 25777 del 07/11/2016
Comune di Cavriago 28870 del 14/12/2016
Comune di Correggio 25976 del 08/11/2016
Comune di Fabbrico 25827 del 07/11/2016
Comune di Gattatico 26186 del 10/11/2016
Comune di Gualtieri 26043 del 09/11/2016
Comune di Guastalla 26153 del 10/11/2016
Comune di Luzzara 24803 del 25/10/2016
Comune di Novellara 26388 del 14/11/2016
Comune di Poviglio 25277 del 31/10/2016
Comune di Montecchio Emilia 26024 del 09/11/2016
Comune di Quattro Castella 26208 del 10/11/2016
Comune di Reggiolo 26256 del 11/11/2016
Comune di Reggio Emilia 27567 del 28/11/2016
Comune di Rio Saliceto 26037 del 09/11/2016
Comune di Rolo 28156 del 06/12/2016
Comune di Rubiera 25585 del 03/11/2016
Comune di San Martino in Rio 26934 del 21/11/2016
Comune di San Polo d’Enza 26785 del 17/11/2016
Comune di Sant’Ilario d’Enza 27685 del 29/11/2016
Comune di Scandiano 26193 del 10/11/2016
Comune di Toano 26045 del 09/11/2016
Comune di Vetto 25972 del 08/11/2016
Comune di Vezzano sul Crostolo 26013 del 09/11/2016
Comune di Viano 26949 del 21/11/2016
Comune di Villa Minozzo 25544 del 03/11/2016
Comune di Ventasso 26029 del 09/11/2016
Provincia di Reggio Emilia, Deliberazione del Consiglio provinciale n. 36 del 10/11/2016


ATTESTA


ai sensi dell’art. 11 della convenzione che la stessa è pienamente efficace tra gli enti aderenti dalla data del 14/12/2016.

Reggio Emilia, 19/12/2016
IL SEGRETARIO GENERALE
Alfredo L. Tirabassi



release 0.1